martedì 30 novembre 2010

se la supercazzola è la regola

Le cronache riferiscono di un cavallo imbizzarrito e schiantato sulla statale Vicenza Padova da una Mercedes. Le foto ne mostrano il corpo sull'asfalto. C'è qualcosa, in quella carcassa tra le carreggiate, che ricorda un vecchio video degli U2, con un angelo per strada. Ancora più fuori posto deve essersi trovato un uomo che, dall'alto, a 95 anni, guardandosi attorno nell'Italia di oggi, ha deciso di scendere.

domenica 28 novembre 2010

wikileaks

e adesso un bel tuffo!

“L’Italia si avvicina all’abisso” Frankfurter Allgemeine Zeitung

lunedì 22 novembre 2010

auto da fè

Un'auto pirata ha travolto e ucciso una donna di 85 anni all'uscita della chiesa di San Bernardo a Lodi, mentre stava attraversando la strada. (www.ilmessaggero.it)

domenica 21 novembre 2010

libera nos a te

I mercatini e gli addobbi di Natale con un mese e mezzo di anticipo. Rimarranno fino a inizio Febbraio. Nel frattempo il ponte dell'Immacolata. Poi verrà "l'attesa" per la Pasqua, che durerà oltre pasquetta. A Giugno il santo protettore. Ad Agosto, Ferragosto. E tutto l'anno le domeniche. Si potrebbe, per favore, istituire un giorno in cui si festeggi il fatto che almeno quelle 24 ore la Chiesa, tramite lo Stato, non ci obblighi a vivere secondo i suoi riti?

venerdì 19 novembre 2010

lunga vita alla regina

L'anno scorso di questi tempi il governo era in difficoltà e un souvenir colpì il premier. Due mesi fa - il governo era in difficoltà - la guardia del corpo del direttore di Libero mise in fuga un attentatore. Un mese fa - il governo era in difficoltà - l'onorevole Capezzone fu colpito per strada con un pugno da un passante. Non identificato, come l'attentatore di cui sopra. Da qui al voto di fiducia mancano tre settimane. Speriamo che il governo si rimetta in sesto o almeno che la sua parte vinca le elezioni: chi li sopporterebbe i funerali di Stato a Bossi?

lunedì 15 novembre 2010

sabato 13 novembre 2010

comprereste un'auto usata da quest'uomo?

L’atto di coprirsi la bocca è piuttosto facile da interpretare: da essa stanno uscendo parole menzognere e il soggetto inconsciamente alza la mano, quasi volesse usarla come un bavaglio. Ecco, dunque, le dita a ventaglio sulle labbra, l’indice sul labbro superiore, la mano di fianco alla bocca. Ma occorre precisare che, se vediamo qualcuno effettuare questa copertura della bocca, ciò non significa che stia sicuramente mentendo. Che lo faccia è però più probabile che se tenesse le mani lontane dalla bocca. Quanto all’azione di toccarsi il naso, invece, sembra esserci una duplice spiegazione. Innanzi tutto, la mano che si alza per bloccare la menzogna viene deviata da quella parte del cervello che non può permettere che la copertura funzioni. E il naso è lì, convenientemente vicino. La mano non ha che da allungare di poco il suo movimento e continua così a coprire in parte anche la bocca. Non solo, quando arriva il momento della menzogna, si verifica un lieve aumento di tensione, che produce piccoli mutamenti fisiologici, alcuni dei quali incidono sulla sensibilità del rivestimento interno della cavità nasale, provocando una sensazione di leggero e inconsapevole prurito . A questo punto la mano, spesso senza che ce ne accorgiamo va a sfregare il naso.

giovedì 11 novembre 2010

sabato 6 novembre 2010

Ceci n'est pas une pipe (da allegare alla tessera elettorale di signore e signorine)


Perché avere una vita sessuale appagante è essenziale. Anche per gli elettori 
(suggerimenti per un programma elettorale)

 Con questa linea di prodotti discreti ed eleganti,  funzionali e divertenti, Presidente, ci offrirebbe gli strumenti migliori per farlo.

 

mercoledì 3 novembre 2010

autobiografia di una nazione

"E' meglio essere appassionati di belle ragazze che gay" è una frase che non sta bene dire in pubblico; forse neanche pensarla. Di questo vogliono convincerci alcuni giornali. Illusi: metà degli italiani continuerà a votare per il premier e anche l'altra metà a professarsi cattolica. Berlusconi è e resta il nostro rappresentante.

martedì 2 novembre 2010

quelli che scendono in campo

e non trovano più la squadra