giovedì 21 gennaio 2010

Uot uimen uont (senz'altro vero probabilmente)

«È senz'altro vero probabilmente - circostanzia una relatrice - che gli uomini hanno la vita facile e una volta ottenuto il posto si soffermano a sfumacchiare in corridoio invece di lavorare».
È senz'altro vero che le mie non basse speranze sulla serata si sono strepitosamente sfracellate al suolo scivolando sul finto broccato del barocco arredamento di un hotel di Trento.

Da giorni aspettavo l'appuntamento, organizzato da Terziario Donna, (Confcommercio) – intitolato Donne e successo professionale a 30, 40, 50 anni.....




L'immagine sull'invito raffigura una creazione di «Devis Venturelli, che ha vestito i cestini in strada per manifestare una prospettiva diversa», introduce la presidenta di Terziario Donna, annunciando compresa che «la discriminazione (delle donne) rappresentata in modelli e ruoli mediatici si reitera nella vita quotidiana, coltivando stereotipi di genere. Diverso – ci comunica - il tenore nella fiction televisiva, dove primeggiano avvocate rampanti. ..ma come donne, non possiamo accontentarci dei ruoli delle fiction».

A.A.A. Apolitica Apartitica Ancella?
La prima domanda alla caporedattore Rai di Trento – l'ospite centrale della serata - è «Ancelle o signore della comunicazione? Tanta visibilità e poco potere?» Seguono statistiche: donne sempre più presenti alla direzione dei TG, (tranne Rai1). Si ricordano Angela Buttiglione e Bianca Berlinguer.
L'ospite ci assicura di non essersi preparata. (Condividerà alcune riflessioni).

Pare che il 63% della conduzione dei programmi televisivi in Italia sia maschile, (dati ISTAT 2006). E che le ''ancelle'' assurgano a ''signore'' solo come esperte di
1.astrologia
2. natura
3. artigianato
4. letteratura


Si dice che per l'affermazione della professionalità femminile televisiva gli USA siano fulgido esempio di modernità, apertura mentale, disponibilità, parità di genere, uguaglianza di opportunità.


Si mormora, tra le sedie accanto alla mia, per voce di una signora borbottante che ha vissuto 10 anni in America, «che sia una società che sta crollando a pezzi. L'esempio degli americani ci ha stufato, è fuori luogo, inattuale, inutile».

Loche ti tocchi?
La signora caporedattore Rai ribadisce che il potere non ha sesso e le donne devono essere pronte a rinunciare a qualcosa per fare carriera. Ma, - denuncia - di fatto, di solito, non la fanno; «e infatti nemmeno la Buttiglione e la Berlinguer sono diventate dirigenti, perché le donne non sanno fare strategia. (…) E non hanno cambiato i modelli famigliari. (…) Gli asili e i servizi per la 3° età non riguardano solo le donne, ma la famiglia».


Obietterei che centrare la società sulla famiglia mi sembra un tantino anacronistico. Per non dire papista. Dove stanno i diritti di single, lesbiche, bisessuali, zitelle, suore, divorziate, separate, donne non fertili?

Si è fatto tardi....
L'orchestra diretta da una consigliera, accompagnata da una non meglio identificata presidenta, ai fiati giovane pubblicista, scortica speranze e pazienza; risuona il cahier de doléances «...che invece di lavorare gli uomini stanno sul corridoio a sfumacchiare, mentre “donne squalo” single o separate o senza figli si immolano tristemente sulla carriera; donne senza cuore».
Poi si discetta su passione, spirito di squadra e merito: «i tre punti di forza delle donne, per cui le donne possono credere che il loro merito sarà riconosciuto».
Mi spella i neuroni, questa fiera di banalità.
L'applauso del pubblico (non) pagante lo sottolineerà.

Resisto un'ora e mezza all'impietoso assalto uterino. Quando la consigliera (alle pari opportunità?) plaude a «questo nostro incontro molto profondo» adducendo che «studiare le materie di cui un'assessora o una consigliera devono occuparsi è molto difficile e che dai colleghi maschi invece non ci si aspetta che sappiano di cosa si occupano, ecco, non è giusto!» e dal coro greco la-non-meglio-identificata-presidenta riprende la staffetta anti-uomo lamentando che «fare le riunioni alle 7 di sera è un atto discriminatorio contro le donne»  e «soffre perchè è madre e vorrebbe accudire il suo impegno come un figlio»  - senza portare a casa una osservazione fondata, un dato scientifico, una considerazione innovativa, me ne vado.



Mesta, mi sento. Abbattuta e triste. Lo sconcerto mi dirocca la testa. L'intelligenza offesa. La mia professionalità violata.
Non lamento molestie o maschilismi, nella mia vita professionale e privata.
Sciocchezza, ottusità, auto-esclusione, ignoranza, giostra politica, maschilismo introiettato, svilimento di sé e della specie, ipocrisie, fra donne - invece - ne trovo spesso.

"È senz'altro vero probabilmente" - che non mi sento rappresentata da questa congrega.
"È senz'altro vero probabilmente" - che non voglio siano loro a rappresentarmi.
"È senz'altro vero probabilmente" - che inghiottendo il ruggito (che avrei lanciato sul finto broccato), meditavo in che città scappare. In quale Paese rifugiarmi.
Lituania?
La Liberia ha avuto il primo capo di stato femminile nella storia dell'Africa.... Forse lì i dibattiti sono precisi, circostanziati, ponderati.


Intanto, per non sbagliare, al prossimo incontro su temi di genere ci vado solo se lo organizzano cassiere della Coop.

3 commenti:

Parvati ha detto...

Grazie DC per questo ritratto della serata di ieri. Per esserci stata confermo la pochezza intellettuale dell'incontro a cui abbiamo assistito. I luoghi comuni si sprecavano e tu li hai ben riportati. Giustamente incentrare la soluzione di tutto sulla famiglia non prende in considerazione le tante donne che, per le più svariate ragioni, non vivono in un contesto di famiglia "tradizionale", ma si devono comunque scontrare con la difficoltà di far carriera (difficoltà che è decisamente trasversale a donne e uomini, in Italia, e che è dovuta a questioni di età - in Italia se non sei attempato non vieni preso seriamente -, sistema clientelare e a-meritocratico, ecc. ...il dibattito va ben oltre le difficoltà che ti può creare un figlio o un genitore anziano da accudire, purtroppo!).
E comunque, la cosa che mi ha più rattristata è che a pensarci bene per le Signore che hanno preso la parola ieri la donna avrà successo quando farà le stesse cose che fanno gli uomini. Quando sarà disposta a lavorare a tempo pieno e oltre l'orario di lavoro qualsiasi sia la sua condizione personale (madre, figlia di genitori bisognosi di cure, ecc.) perché sennò è NORMALE e GIUSTO che non faccia carriera; quando imparerà ad accettare ruoli per cui non si sente preparata come fanno gli uomini (parole della caporedattrice Rai); quando imparerà a fare gruppo e ad intrattenersi sfumacchiando (!!!!!) con le sue colleghe; quando avrà sete di potere, ma del potere vero, non di quello che dà un'apparizione in TV.
Personalmente sono felice e fiera di essere donna e mi piacerebbe che noi donne trovassimo un nostro modo di essere in carriera, senza scimmiottare gli uomini. Ritengo che la donna sia portatrice di una ricchezza e una differenza che va valorizzata e salvaguardata. Ma se altre donne, quelle che hanno effettivamente un potere, non sanno stare nel loro mondo se non imitando gli uomini e rivendicando una condizione di wonderwoman che nulla chiede e tutto fa non a modo suo ma COME GLI UOMINI, noi donne saremo sempre più schiave di noi stesse. Mi fa paura un'idea di wonderwoman in carriera, supermamma (perché se non ti costruisci una famiglia sei una 'donna squalo'), moglie perfetta, bella e giovane sempre. Ma dove sta la volontà e la storia di ognuna (si, ci sono donne che non li vogliono i figli e ci sono anche donne che sognano di crescere i propri figli e ci sono donne che sognano una carriera e non vogliono rinunciare alla famiglia e pretendono di farla questa carriera perché sono più brave dei loro colleghi e colleghe anche se scelgono di non fare straordinari e invece di dedicare due ore in più ai figli e ci sono donne che per scelta snobbano il potere - ci sono tante donne diverse...guarda un po'!)? Quant'è stato limitato lo sguardo delle Signore salite in cattedra ieri?

DossTrento ha detto...

Triste ma molto interessante articolo!
Molto ben esposto.
Ci sarebbe piaciuto esserci ma non sapevamo dell'evento.
Maschietti ve ne erano?
Noi comunque una riflessione l'abbiamo fatta, troppo lunga da postare qui.
Parvati la trovi cliccando sul nome/URL.

Saluti a tutte le blogheresse....

ciao

Mister_NixOS *nix ha detto...

Me ne sarei andato anche io...
W le banalita'!
Mister_NixOS