sabato 4 ottobre 2008

il vero cambiamento

Nella Serbia di Milosevic la maggioranza delle Tv era schierata con l'opposizione. Gli Stati Uniti dissero che era una dittatura. Può essere, se loro erano una democrazia. Così decisero di abbattere quel regime. I bombardieri che partivano dall'Italia fomentarono il fondamentalismo e crearono stati come il Montenegro, l'ideale per chi cerca un magazzino in cui depositare droga.Questo il risultato della politica estera di Clinton, che le elezioni le aveva vinte col motto "economy, stupid!" lasciando Bush senior a giocare ai soldatini in IRAQ. Clinton invece favorisce gli investimenti. Come? Elaborando e consentendo i mutui subprime.Quanod al suo posto viene eletto Bush junior, la politica cambia fino a un certo punto: l'inquinamento lo si combatte risparmiando sull'inchiostro necessario a firmare il protocollo di Kyoto; fondamentalismo e droga li si aiuta bombardando Kabul invece che Belgrado. Oltre a Baghdad, che ormai è tradizione di famiglia. Migliora anche l'immagine internazionale: dopo Guantanamo e Abu Graib quando l'America parla di diritti umani riesce a far sorridere perfino Putin. Tutto secondo copione a parte che alla fine del mandato quella specie di scommesse che Clinton chiamava mutui subprime portano mezza America a vivere dentro una roulotte.Tra un mese si eleggerà chi continuerà questa storia gloriosa, sotto a chi tocca. Una cosa però, prima del nuovo presidente è già cambiata.
Che a guardare un mappamondo e a soffermarsi su Cina, India, Brasile e Russia, ci si accorge che dopotutto chiunque esso sarà, neanche più conta molto.

6 commenti:

Ishtar ha detto...

E si la crisi ecomonima segna per me la fine del mostro America, peccato si sottovaluti quello Russia!
Ciao e buon fine settimana

Pellescura ha detto...

Tutti i nodi vengono al pettine, non potranno più barare(speriamo)

maurob ha detto...

ma non sono molto convinto di obama ...
anche se in effeti provbabie che cambi relativamente poco ...

Kaiser ha detto...

poldino: eh si notoriamente i serbi stavano bene sotto Milosevic vero??? Mi meraviglio come tu faccia a dire certe cose...

Donna Cannone ha detto...

condivido la visione lucida e sagace e tiro anche un bel sospiro. In tanto schifo internazionale, mi fa solo piacere che gli USA si ridimensionino.
E 4 o 5 nuovi contendenti del potere, rendono quasi più succulunto anche lo scenario orwelliano

musa capricciosa ha detto...

I bombardamenti erano NATO, non (formalmente) USA.