martedì 11 marzo 2008

KKK? (no, è Sorrento)


Giovedì e venerdì santo a Sorrento.

Le testimonianze dei primi cortei risalgono al 1500: percorrevano le vie della città cantando salmi, portando una croce tra 2 lance. Verso il 1700 alle processioni si aggiungono lampade, fiaccole e stendardi.


La processione bianca prende il nome dal colore delle vesti; il corteo sfila in silenzio, i volti incappucciati. La tradizione ricorda la madonna alla ricerca del figlio catturato e condannato a morte.


Nella processione nera Maria ritrova il figlio morto in croce.

Il corteo sfila in saio e cappuccio nero.

Croci, stendardi e canti rievocano tradizioni millenarie



2 commenti:

Gigio ha detto...

Grazie...

Daniele ha detto...

Che dire, trovarseli di fronte a propria insaputa di notte sarebbe una scena rassicurante.