martedì 17 febbraio 2009

EkkeMinkiaE'2Vù? (o Dell'italia sul 3no)

Un pezzo di Italia dal treno
Scendo dall’ES Roma-Bologna. Ho una valigia pesante e poco tempo. Scarto a destra!a sinistra! – ciocco controcorrente nella calca del tunnel. Cerco il binario 2W. Echeminkiaèduevu? penso mentre sgrano 1000 punti abbattendo il trolley di una vecchia signora – «lo strike della stazione» – . L’occhio scivola rapido sui cartelloni. 9, 7, 5. Eccolo, finalmente. Passo oltre il 3 e il 4 e imbocco la scala per Piazzale Ovest.
Erano anni che non cambiavo a Bologna. E nel frattempo all’ingresso i binari 3 e 4, quelli più centrali, quelli più comodi, sono stati fasciati di stendardi rossi: è il Club Alta Velocità dell’Eurostar. Così lo chiamano. Personale in divisa luccicante e baracchini pensili per le informazioni si fissano nella mia mente mentre tiro la valigia su per la scala del binario. Mancano 2 minuti. Salto sul regionale per il Brennero. Ferma a tutte le stazioni. E poi mezz’ora, fissa, a Verona. A fare che, in attesa di chi, non l’ho mai capito. Ma il treno sta fermo lì.
Fissato nell'immobilità di chi non può comprare il tempo. È domenica pomeriggio su un treno di pendolari. Uno sporco, puzzolente, regionale. Ti lasci Roma e Firenze alle spalle e non senti più l’uomo col secchio azzurro che canta acquapaninibibiteee. Grigio e freddo, i sedili stretti, di tavolini manco l’ombra. Attenta a non frantumare le rotule della signora di fronte, smadonno e sfanculo fra i denti le FS, mentre cerco di infilare il trolley nell’anditotriangolarefraglischienalideisedili (come si chiama sto coso?). Macchè, è tappato. Il nuovo design anti-prolo 2008/09 ha otturato lo spazio. Sotto il sedile la valigia non ci sta. Stretta fra donne cinesi e matrone africane, pakistani al cellulare e signore in pelliccia fucsia, rimpiango lo spazio ampio e la seduta comoda dell’ES. Eccezione, per me che viaggio low-cost ma che per scendere a Roma non ho alternative. ES che quando viaggio nella tratta Bologna – Firenze è una presa in giro dell’alta velocità, perché la percorrenza è sempre la stessa, ma il prezzo è quasi raddoppiato. E allora quegli striscioni rossi, con tanti omini in livrea, mi sembrano l’ennesimo sberleffo di un paese allo sfascio. Dove i tentativi di rattoppo si fanno solo per chi i soldi ce li ha e i servizi, anche quelli minimi, se li può comprare. Il resto del branco, affannato, che arranchi. Caldo il respiro, il fiato puzzolente, nello scompartimento le porte si chiudono. Risucchiato dalla nebbia di una domenica qualunque.

verona, stazione. una giornata qualunque

7 commenti:

tommi ha detto...

ciao, volevo sapere se avevi ricevuto l'articolo della rubrica.
a presto,
tommi

El Barto ha detto...

a proposito di ferrovie dello stato, che dire dei treni nord-sud a lunga percorrenza? Benvenuta nel Club Bassa Velocità-anzi-praticamente-a-piedi!
Però in buona compagnia con zecche e animaletti vari

Dolce-Alexia ha detto...

Stranamente, quando viaggio e arrivo alla destinazione, dopo mi sento cosi sporca che non vedo l'ora di farmi una doccia. E ci penso sempre:"Ero seduta li, nel treno, e che cavolo ho fatto per sentirmi cosi sporca?"

silvano ha detto...

In effetti è come sparare sulla croce rossa.
Desolanti sempre le fs.

Donna Cannone ha detto...

@Alexia: succede anche a me!
Fortunatamente, finora niente zecche/animaletti stani, come dice
El Barto, ma ricordo ancora che tanti anni fa ci fu chi si sedette, in treno, su una siringa infetta e che mi veniva in mente ogni volta che salivo su un treno...

musa capricciosa ha detto...

Correggo: il tizio dei panini dice "panini-Bira-Acqua-Bira-Bira-Bira" e poche variazioni. Un uomo, un mito.

:)

Donna Cannone ha detto...

oh buon giorno Ms Musa, che piacere risentirti. Grazie per la precisazione, domani ci farò caso.