martedì 20 maggio 2008

Orwell ci appassiona ancora!!

Magistrale ed emozionante la riduzione teatrale della Fattoria degli animali di G. Orwell messa in scena dall’Istituto L. Guetti di Tione (TN), con il coordinamento dei professori Andrea dell’Anna, (luci e regia), Marika Lorenzi, Antonella Piacenza, Ezio Salvaterra e da Licia Simoni ieri sera al Teatro Cuminetti di Trento nell’ambito del 12° Meeting “La Scuola a teatro”. Testi e direzione del professore e giovane pittore/scultore, Paolo Dolzan, autore anche delle suggestive maschere animali di carta pesta che hanno vestito gli animali della fattoria.

Benjamin, Gondrano, Clover, la vezzosa Molly, scorante vittima di se stessa e di dolci lusinghe infiocchettate, le simpatiche galline un po’ stordite…. musi famigliari della fattoria con cui avremmo voluto zompare e scalpitare sulle musiche del maestro Edoardo Bruni, del giovane studente Maso Raul e della Scuola Musicale delle Giudicarie
A questi ragazzi che hanno interpretato con freschezza, spontaneità e senza esitazioni l’opera di Orwell, facendoci sognare ancora gli entusiasmi della liberazione, va un grazie commosso!
Non ci aspettavamo certo di chiudere un piovoso lunedì sera sospirando indignati di fronte ai 7 comandamenti via via mistificati dai porci maiali, né a commuoverci per l’ennesima sconfitta del più debole. Dall’amaro retrogusto attuale.
Ci è piaciuta molto, questa recitazione fanciullesca e spontanea. Scevra di trite sovrastrutture, di ambizioni teatrali mistificanti e dizioni più o meno impostate - ci ha toccato il cuore e l’animo politico.
Lasciamo la sala in un turbinio di emozioni, mentre nell’aria rieccheggia “Heroes” di David Bowie e il brusio copre gli ultimi applausi.
Felici che questi ragazzi abbiano vibrato dell’adrenalina da palcoscenico, protagonisti di un’opera che ha segnato la storia della letteratura.
Commossi davanti a insegnanti capaci di donare attimi che divengono ricordi che restano nel cuore per una vita.

Plaudiamo ai nuovi interpreti dell'invito di Orwell “Pass on this message of mine to those who come after you, so that future generations shall carry on the struggle until it is victorious.”

Per informazioni sull’iniziativa “La Scuola a teatro”:
CO.FAS. Trento
Tel. 0461 237352
Email: info@cofas.it

7 commenti:

Anna ha detto...

Che bello! Per me sarebbe stato un sogno interpretare Orwell ai tempi del liceo. Lo leggevamo quasi di nascosto, veniva considerato rivoluzionario, senza capire che marcava, invece, il fallimento di una rivoluzione ed anche di un'idea, analizzandone spietatamente tutti gli errori e le utopie.

SCHIAVI O LIBERI? ha detto...

Se i fatti invece dicono il contrario, allora bisogna alterare i fatti. Così la storia si riscrive di continuo. Questa quotidiana falsificazione del passato, intrapresa e condotta dal Ministero della Verità, è necessaria alla stabilità del regime. [...] La mutabilità del passato è il dogma centrale. » George Orwell
PERCHè QUESTE SUE PAROLE MI SEMBRANO COSì ATTUALI? Deve essere stato veramente bello.

musa capricciosa ha detto...

Bello, quelli di Tione hanno sempre fatto belle cose. Quando ho partecipato anch'io con la mia classe invece ha vinto una tristissima parodia trita della divina commedia, presentata dal Galilei, mentre un'altra scuola con un Malato Immaginario di Moliere non ha vinto..mah.

Noi ovviamente eravamo doppiamente sfigati, recitavamo in inglese :-)

dioniso ha detto...

Lessi (Vorlesung) la Fattoria degli animali in prima media in classe. La professoressa di lettere lo aveva scelto come testo di narrativa.
Nonosante ci avesse spiegato che era una metafora ed io avessi capito a quale realtà si riferisse (per quanto possa capirlo un undicenne), mi persi tutta l'ironia che penso sia celata in quelle pagine.
Non l'ho più riletto. Forse dovrei.

Vi ho aggiunto tra i miei blogghisti preferiti ;-)

Saluti

Donna Cannone ha detto...

@Dioniso: Orwell è immortale, adatto a lettori di ogni età. Se hai tempo e voglia, rileggilo, non sarai deluso!

Saluti e krapfen a tutti

Anonimo ha detto...

Perche non:)

Anonimo ha detto...

necessita di verificare:)