martedì 1 aprile 2008

Ex spot


L’expò, detto così perché anticamente era un fiume e ora una pagliacciata, nel 2015 si farà a Milano. Che ha prevalso, come sempre quando si tratta di comprare giurati. Dopo l’annuncio dell’assegnazione sono seguiti festeggiamenti che si sono protratti per tutta la notte. A Smirne, che l’ha scampata bella.
Pare che l’expò sia un volano, così dicono tutti. Come le Olimpiadi, per le quali si costruiscono velodromi che presto non servono più e presto o tardi crollano, come a Roma. Dicono che sarà un’esposizione all’insegna del verde, con grandi parchi. Ma tra un palazzo e l’altro, dove un giorno diremo “qui era tutta campagna.”
Dicono pure che Milano cambierà faccia. Sarebbe una buona notizia che almeno una faccia ce l’avesse: oggi non si vede. Colpa dello smog. L’Unione Europea tollera che si superino i limiti di emissioni di sostanze inquinanti 35 giorni all’anno. Fino al 31 marzo, Milano era a quota 45, uno su due.
Tra i vapori si intravedono dei cartelloni che annunciano: Milano: la città che sale.
Quando invece è di calare che avrebbe bisogno. I grattacieli – le torri, le chiamano – in progettazione, sono già sorpassati. L’architettura li considera vecchi, slegati dal contesto sociale. O vogliamo usare i pianerottoli come piazze? E poi l’orizzonte è prezioso, non mi ci puoi piazzare una Marmolada artificiale.
Almeno però, dicono anche, per costruirli, questi palazzoni, ci vorranno muratori. Porterà lavoro, insomma, l’expò.
Anche gli schiavi in Egitto li consolavano così. Se il padrone si abbuffa vedrai che qualche briciola te la lascia.
Ieri per assistere all’assegnazione dell’expò trasmessa su dei megaschermi, i lavoratori della fiera hanno avuto il permesso di staccare in anticipo.
E come tanti bravi Fantozzi forse hanno applaudito al successo dei loro principali.
Ah, come è buono lei! E che buona la Moratti, la nostra piccola faraona.

5 commenti:

giulia ha detto...

Non avremo neanche le briciole affamati tuti come sono. Giulia

Andrea ha detto...

Io, che da bravo topolino di campagna vado a milano solo quando non posso fare altrimenti, ho gia annunciato che fino al 2020 non ci andrò più. Gia è un casino normalmente, figuriamoci quando iniziano i lavori...

Donna Cannone ha detto...

ma buona sera, topolino di campagna...!
Benvenuto sul nostro blog.

Ti posso consigliare il Trentino per le tue gite fuori porta?????

;-p

Donna Cannone ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Gennaro Cannolicchio ha detto...

eh già purtroppo è cosi... sai una cosa? probabilmente (anzi sicuramente) vivevano meglio gli schiavi egiziani che quelli moderni!